16 Settembre 2019
interviste
percorso: Home > interviste > interviste

Intervista 010-08

interviste
02-03-2008 - Intervista a Bonzi Angelo
Data di nascita
18/10/1969.
Luogo di nascita
Brescia.
Scuola o lavoro
Lavoro: Operaio Materie Plastiche.
Società precedenti
Alcuni anni trascorsi all´Atletica Brescia.
Specialità
Velocità.
Tecnico
Rozzini Erminio.
Presenze nelle varie rappresentative
Nessuna.
Esordio
1983.
Record personale
(60 - 7"37) (100 - 11"1) (200 - 22"9) (400 - 54"00).
Palmares
7 Titoli Provinciali, 2 Titoli Regionali Master , 1 partecipazione ha Campionati Europei, 3 partecipazioni hai Campionati Mondiali Master.
Numero allenamenti settimanali
Da 4 a 6.
Anno inizio attività
1983.
Obiettivo sportivo dell´anno
Cercare di migliorare i miei primati personali e provare a prendere altri titoli Provinciali e Regionali; rivincere il Gran Prix Master.
Obiettivo sportivo futuro
Riuscire a salire sul podio nei Campionati Mondiali e Europei Master.
Sogno nel cassetto
Vincere i Campionati Mondiali e Europei Master.
Hobby
Disegnare fumetti, collezionare francobolli e monete di tutto il mondo.
Amico/a più stretto in ambito sportivo
Amici o amico in più stretto rapporto penso che non ci siano, ma fra tutti siamo sullo stesso piano di amicizia.
L´episodio che ricordo
L´episodio che più ricordo è una delle gare di preparazione alla stagione estiva sui 100J in cui vinsi con 10"4 che valse il mio nome sul giornale di Brescia.
Il secondo episodio è la mitica staffetta della 4X100 ai Campionati Provinciali di Lumezzane dove alla partenza eravamo in quattro Società e alla fine eravamo restati da soli.
Il tuo mito sportivo
Il mio mito in ambito Nazionale è Pietro Mennea, e in abito internazionale Carl Lewis
Come ti sei avvicinato/a all´atletica
Mi sono avvicinato all´atletica facendo i giochi della gioventù alle Scuole Medie, e tramite un amico che faceva parte della Virtus Castenedolo gia da alcuni anni che è Marco Zani. In vacanza in Montagna durante una giornata in cui non sapevamo cosa fare andammo al fiume e li trovammo un bastone abbastanza dritto e lo usammo come giavellotto, io lanciai un po´ di più di lui e mi disse "Quando torniamo a casa vieni con me a fare allenamento"; e da lì partì la mia avventura nell´atletica.
Allenamento che più gradisci
Nessuno in particolare.
Allenamento che non gradisci
Nessuno
Descrivi il tuo allenatore
Il mio allenatore è una persona Simpatica, Intelligente, e molto competente nelle cose che spiega per farci migliorare nelle nostre specialità.
Descrivi te stesso/a come atleta
Io sono un atleta nella media.
La gara che più ricordi
La gara che più ricordo è una delle staffette in cui ho partecipato con l´atletica Brescia in un campionato di Società svolto l´arena di Milano, in cui in mio vicino di corsia nella terza frazione era un certo Simionato che hai tempi faceva parte della Nazionale.
La gara che non vuoi ricordare
Una gara di Salto in Lungo nei primi anni che facevo atletica.
La tua gara ideale
Fra quelle che faccio forse i 200.
Una curiosità
Non ne ho nessuna.


scritto da Franz

[Realizzazione siti web www.sitoper.it]